Blog: http://FilippoPataoner.ilcannocchiale.it

Un problema forse c'è...

Siamo seri dai, un problema di credibilità nei confronti della Lega Nord Trentino appare evidente. Soprattutto a fronte del pessimo risultato elettorale che ha investito il partito alle ultime provinciali (27 ottobre 2013). Ma facciamo un po' di chiarezza. Era novembre 2008 quando in Trentino il termometro segnava un 14,91% di preferenze alle provinciali per il carroccio. Un risultato storico, sicuramente spinto da due fattori:

1) Le recenti politiche della primavera 2008, che avevano visto la Lega superare il 15% a livello provinciale;
2) La scelta di candidare come presidente della Provincia l'on. Sergio Divina.

Un mix di fattori che hanno contribuito allo splendido risultato accennato poche righe prima. Poi cos'è successo?

Più che parlare di cosa è successo, io partire dal cosa non è stato fatto. Infatti, grazie ad una gestione del partito degna di nota (sarcastica evidentemente), svariati consiglieri provinciali hanno (giustamente) abbandonato il partito, mentre sullo sfondo di inerpicavano le cronache giudiziarie nei confronti di Belsito e del Trota.

In questo frangente non riesco (aimè) a trovare interventi incisivi da parte della derigenza locale del partito, la quale evidentemente, anche a livello nazionale aveva il suo bel da fare nell'ingoiare rospi (vedi vicende Berlusconi & C.). 

La segreteria locale ha infatti gestito con eccessivo approsimatismo l'affezione che dilagava nell'aria e il risultato è stata una leadership decisamente debole. Basti pensare al gruppo giovani. Cui personalmente rivendico una totale difficoltà del segretario locale nel gestirlo in maniera fruttuosa e vincente. 

Ritengo che la difficoltà del partito (ormai cronica) sia, ancora una volta, la difficile percezione di quanto distante siano le ideologie della Lega all'interno del nostro territorio. Lo dico chiaro onde evitare fraintendimenti; "O si cambia registro nel proporre le idee programmatiche, oppure i voti della Lega saranno relegati ad un branco di nostalgici attivisti di destra". 

Sono convinto che le idee ci siano, ma che attualmente non ci sono persone che le possano rappresentare in maniera adeguata.

Forse, anche per questo, abbiamo chiuso la campagna elettorale con un misero 6 e qualcosa %.

Pubblicato il 4/11/2013 alle 12.54 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web